A.Na.Fr.I.
(Associazione Nazionale Frazioni Italia)
Via Rossini n. 8. Tel . e Fax: 0832/861066
C.A.P. 73029 ACAYA – LE
Dittatura mascherata da democrazia

La sovranità appartiene al popolo (teoria) ma la stessa viene esercitata dalle segreterie dei partiti, né dai politici, né dai parlamentari, cioè da un ristretto numero di persone (oligarchia).
L’elettore non ha alcuna facoltà di esprimere la sua opinione nella scelta degli aspiranti candidati (sindaci, presidenti di regione, deputati, senatori).
Il popolo nelle competizioni elettorali deve limitarsi al segno di croce, poiché ritenuto privo della capacità d’intendere e di volere; la selezione della classe politica, come nelle dittature, viene svolta dalle forze politiche nelle segrete stanze.
I sindaci, figura simbolica di democrazia, hanno poteri superiori ai podestà del ventennio, ed utilizzano i componenti della giunta come soprammobili, a loro piacimento. E’ negata nei Consigli la rappresentanza alle Località minori.
In Italia ormai abbiamo tante repubbliche autonome per quante sono i comuni (circa 8.000) le regioni (20) e lo Stato con ordinamenti giuridici e amministrativi diversi e spesso contrastanti.
Nel campo fiscale le addizionali regionali e comunali sono le più disparate, nel servizio sanitario, detto nazionale, i ticket e le esenzioni sono diversificate da regione a regione, le tasse comunali per i servizi sono lasciate al libero arbitrio dei sindaci nell’ambito di una stessa provincia o regione ( IMU- TARI- TARES imposta di soggiorno, ecc. ), idem per i contributi regionali come quelli dei Consorzi di bonifica per i benefici fantasma.
Per i servizi quali acqua, gas, luce, telefoni, autostrade, trasporti sono state istituite le Autorities per il controllo delle tariffe ma ogni Fornitori fa ciò che vuole;le tariffe dei telefoni sono passate da 28 giorni a un mese ma, contrariamente a quanto previsto dall’Autorità di garanzia, non sono rimaste invariate ma aumentate dalle rispettive società di gestione.
I vari governi oltre ad avere negata la sovranità al popolo, non assicurano il diritto al lavoro, il segreto della corrispondenza (registrazione di tutte le telefonate). L’anarchia regna sovrana, Istituzioni che decidono in ogni settore a prescindere dalle esigenze e dai bisogni della collettività.
Chiedere giustizia è una chimera, a parte l’incidenza dei tempi biblici e dei costi insostenibili; i risultati sono affidati al caso, ai condizionamenti economici e politici dello Stato, ad eventuali orientamenti politici del giudice e a diversi altri elementi e situazioni imponderabili.
5.000 enti inutili in piedi da decenni, commissioni parlamentari con esiti insignificanti, istituzioni di carrozzoni nati per clientela dei partiti che comportano spese enormi gravanti sulla generalità dei contribuenti, addizionali d’imposta, giustificate da situazioni d’emergenza che diventano permanenti, la cui permanenza è ingiustificata ed immorale, imposte sulle imposte
La pressione fiscale è altissima; sono rimaste da tassare la libertà di pensiero e l’aria che si respira.
Antonio Fasiello